Ho sempre amato viaggiare ma a un certo punto della mia vita viaggiare è diventato indispensabile. E quindi meno capi di abbigliamento e più biglietti aerei.
Qualche giorno al mese ho la necessità di passarlo in qualche capitale europea, perché amo follemente il Vecchio Continente. Non vedo l’ora di scoprire posti nuovi ma anche di tornare in quelli che ho già visitato. Mi affeziono ai luoghi, alle atmosfere, alla gente, ai colori.

Diciamo che le fasi della vita sono molteplici e a seconda di quella che attraversiamo abbiamo interessi diversi. Nel mio caso sono andata migliorando, soprattutto in fatto di gusti e abitudini. La superficialità ha lasciato posto alla sostanza.
Dai 25 ai 30 la priorità era la moda (con una pesante ricaduta in seguito, quando ho finito di arredare casa). Non vedevo l’ora di accumulare cifre inenarrabili per comprare la borsa più costosa, non quella più in voga che avevano tutti, la più costosa. Trovandomi poi costretta a uscire di casa, anche quando non ne avevo molta voglia, al solo fine di esibirla. Del resto non puoi comprare:  l’iconica Chanel, l’irraggiungibile Birkin, ma anche una Fendi, una Gucci,  per lasciarle chiuse in casa. Non avrebbe senso. Diciamolo pure: se compriamo cose costose non è solo perché ci piacciono le cose belle ma perché ci piace essere guardate e un po’ invidiate. Un po’ vanesie lo siamo tutte o quasi, ma un po’ sadiche, tutte!
In quella fase adoravo avere armadi pienissimi e sempre nuovi capi da indossare e una scarpiera (90 per 170) occupata in ogni ordine di posto da tacchi 12 in abbondanza, troppi! ripostiglio-per-scarpeE, appunto, borse griffatissime perché l’accessorio è l’elemento iconografico per esprimere l’identità individuale.
Sono arrivata a contare nel mio armadio novanta paia di scarpe, quando ne portavo una decina. La maggior parte acquistate in saldo o all’outlet, comunque.
Poi cresci, maturi e spendi i soldi in maniera più sensata. Forse.
Attorno ai 30 la priorità è stata la casa e con l’acquisto dell’appartamento, alla moda è prevalso l’arredamento, il primo anno credo di non aver comprato nulla per me, tutto per la mia confortevole dimora. Perché sì avevo una casa da arredare e io alla casa ci ho sempre tenuto molto, quindi le mie trasferte erano alla ricerca del tappeto giusto, del mobile adatto, del quadro e poi della sua cornice e di oggetti, tanti oggetti: vasi, candele, lampade e via, via sempre a scovare qualcosa da portare a casa anche quando non era così necessario.
In seguito, forse nauseata dalla troppa dedizione avuta per la casa, la fashion addicted che c’è in me ha ripreso il sopravvento e per un buon periodo sono tornata al primo amore.

A un certo punto la mia taglia è cambiata pertanto acquistare abiti non era più così divertente, inoltre ero arrivata ad avere otto cassettiere e tre metri di armadio e nonostante questo non trovavo lo spazio per nuovi capi, indi si rendeva necessario fare una cernita – riempire qualche sacco e portare tutto al mercatino dell’usato, prima, o vendere attraverso i vari siti come: Depop, Vestiere Collective, Rebelle, ecc, dopo -,  per tentare recuperare qualche spicciolo, pochissimo al confronto di quanto speso ma, soprattutto un po’ di posto nell’armadio. Quella selezione obbligata per fare posto ai nuovi capi è sempre dolorosa, perché pur liberandoci di indumenti che non indossiamo da un sacco di tempo o, addirittura, che non abbiamo mai nemmeno infilato, ci affezioniamo, e sappiamo benissimo che appena li buttiamo torneranno di moda e ci verrà voglia di indossarli.

Avvicinarsi ai quaranta ha avuto i suoi lati positivi. La progressione mentale cresce di pari passo con la decadenza fisica e quindi anche se il punto vita si espande, i glutei perdono la sfida con la forza di gravità e puntano inesorabilmente verso il basso e la pelle dei piedi si ispessisce, acquisisci razionalità e capisci che l’importante è godersela non accumulare. Ti rendi conto, tra l’altro, dell’importanza del denaro, capisci che lavorare un mese per acquistare una borsa non è una cosa poi tanto sensata, dato che, nel mese. paghi la rata del mutuo e le bollette e il carburante e fai la spesa per nutrirti e ti concedi svariati aperitivi – parecchi nel mio caso – e molte altre spese fisse. Se a trent’anni mi dava gioia spendere mezzo stipendio per una borsa a trentotto godevo nell’entrare da Zara in tempo di saldi e spendere poco più di un decimo dello stipendio per 5 paia di scarpe, 5 giacche, 5 pantaloni, qualche blusa e l’ennesimo trench. Ovvio, pur sapendo che non tutto verrà usato, qualcosa finirà in vendita ancora munito di cartellino, ma vuoi mettere il risparmio rispetto all’acquisto a prezzo pieno………
Da Zara Home più o meno la stessa avventura: vasi, cornici porta foto, tovaglie, asciugamani, cesti, cesti e cesti a un terzo del prezzo originale.
Poi oltre all’età anche il mio lavoro è cambiato, aver avuto per vent’anni un lavoro fisso e alquanto sedentario ti porta a desiderare il contrario e la precarietà assume un certo fascino anche perché oramai siamo tutti precari.
Non andavo più in ufficio dove la solita gente mi vedeva tutti i giorni e il rapporto con un pubblico di un certo tipo imponeva quindi un certo tipo di outfit, lavoravo da casa e per stare al computer erano sufficienti qualche sottoveste e comodi e caldi – nella stagione fredda – cardigan con cui coprirmi. E i tacchi 12 per stare in casa non li metti……. almeno non per scrivere. Gironzolo per casa rigorosamente a piedi scalzi, che sia estate o inverno pieno.
Il tacco 12 comunque non l’ho abbandonato del tutto, ne acquisto ancora ma a un ritmo meno sostenuto.
E la casa era diventata piena, accogliente, c’era tutto e anche molto più di tutto, o, almeno, molto più di quello che serve…
E diciamolo andare all’Ikea non è come andare in Svezia e nemmeno andare da Zara Home è come andare in Spagna e neppure andare da Maisons du Monde è come viaggiare in giro per il mondo. Certo ci sono cose bellissime che la rendono più bella e le conferiscono un fascino provenzale o nordico o etnico (preferisco i primi due) ma andare a Stoccolma o Barcellona è un’altra cosa, respirare il profumo di lavanda e vedere chilometriche distese lilla è decisamente un’altra cosa.
E quindi, ora, scavallati i quaranta, stare su internet a cercare nuove mete da raggiungere e navigare Ryanair, Skycaner e Booking a cercare voli low cost e alberghi dove alloggiare è piacevole quanto, un tempo, lo era passare interi pomeriggi da Zara & Co. alla ricerca dell’outfit perfetto.
Insomma meglio accumulare miglia piuttosto che vasi o tacchi, perché il viaggio è cultura, è conoscenza, è emozione, è scambio, è incontro, è sogno, è vita. E molto altro ancora!

Join the conversation! 4 Comments

  1. Credo sia un processo che accelera con l’età. A cinquant’anni gireremo come trottole! Adoro anche io la “vecchia Europa”…

    Mi piace

    Rispondi
  2. Bellissimo esempio, ammiro molto quello che hai detto. Io sono ancora nella fase in cui spendo tanto per oggetti belli ma che in fondo non mi servono poi veramente… Spero di riuscire a maturare anche io questa convinzione dentro di me, visto che ci sono tante altre cose che amo fare (tra cui anche viaggiare)

    Liked by 1 persona

    Rispondi
    • Grazie Nadia delle tue parole. Credo che tutte le persone durante la loro vita mutino e si evolvano. A seconda delle fasi della vita prevarranno alcuni o altri interessi. Io ero dell’idea che il bene materiale rimanesse mentre il viaggio dava una felicità effimera. Sono arrivata a pensare l’esatto contrario……

      Mi piace

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

About Mademoiselle Champagne

Viaggiatrice e gourmet. Coltivatrice di interessi e passioni, tra le quali la scrittura, la fotografia, l'arte, il cibo e il vino e molto altro. Autrice del romanzo L'amore a colpi di Champagne.

Categoria

LIFESTYLE

Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,