Il mio pensiero costante è partire, con qualsiasi mezzo, per qualsiasi luogo.
Sono sempre alla ricerca di una nuova meta da raggiungere, stare più di un mese senza spostarmi da casa mi provoca malessere.
Si, sono una nomade!

ubezpieczenia

Se anche in voi è radicata la viscerale necessità di viaggiare, se siete in viaggio e state già pensando alla prossima metà, se conoscere posti e gente nuova è la vostra priorità di vita, allora siete malati di una malattia che al momento non ha cura e si chiama Sindrome di Wanderlust.
La buona notizia è che non si rischia la vita, al limite il conto in banca.

E non si tratta di una malattia rara, perché siamo in buona compagnia dato che sono sempre di più i membri della comunità mondiale dei colpiti da wanderlust (parola di origine tedesca che deriva da wander, ovvero desiderio, e lust, cioè di camminare, girovagare).

wanderlust

Come si legge sul sito dedicato thewanderlust.org, si tratta di persone che hanno “the irresistible, uncurable desire to travel or wander”: l’irresistibile, incurabile desiderio di viaggiare o vagabondare.
Insomma, tutti coloro che non sanno resistere alla voglia di girovagare, soffrono della sindrome di Wanderlust.

Il viaggiatore incallito o malato di viaggi ha l’ossessione maniacale per i prezzi dei voli, tant’è che conosce meglio i prezzi dei voli e dei soggiorni rispetto a quelli del pane e del latte; la valigia è sempre a portata di mano e magari ancora mezza fatta dall’ultimo viaggio; all’udire vocaboli come “travel”, “viaggio” o “trip” il cuore inizia a battere a ritmo veloce come al primo incontro con il fidanzato; il denaro ha valore solo in base a dove ci può portare e il regalo preferito è un biglietto aereo o un voucher viaggio, non importa quale sia la destinazione, ciò che importa è che ci permetterà di scoprire posti nuovi e conoscere culture diverse.

 

papersphinx_travel_1-

Il wanderluster in fondo non è altro che un sognatore che pensa che la vita, per essere considerata tale, debba essere curiosa e originale e, soprattutto, itinerante.
Tuttavia una recente ricerca scientifica, pubblicata sulla rivista “Evolution and Human Behaviour”, sembra aver dimostrato che i malati di viaggi sono tali perché ce l’hanno scritto nel DNA. Il gene del viaggio non sarebbe altro che il recettore della dopamina D4, responsabile della passione per ciò che sta altrove, che non ci circonda abitualmente, che rappresenta un fascino esotico. Pare che questo recettore non sia presente in tutti, ma solo nel DNA di circa il 20% della popolazione mondiale.

Un altro studio, finanziato da National Geographic, ha rilevato come i wanderluster siano persone maggiormente propense ad affrontare rischi, a provare cibi nuovi, nonché ad avere relazioni nuove e un maggio numero di avventure sessuali.
Direi che, vista così non sembrerebbe proprio una brutta malattia, ma un impulso vecchio come il mondo che spingerebbe l’uomo ad andare verso ciò che non conosce e a superare barriere culturali oltreché geografiche.

635908923762744847-1704507041_9bd8ea62f678c9c47470b2f45072b4ce

Avete letto bene, siete anche voi dei wanderluster!?
Be’ non è poi una disgrazia…

Join the conversation! 28 Comments

  1. Tra tutte le malattie orribili che esistono al mondo non avrei potuto essere più fortunata!😉

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  2. Dai, in fondo non si rischia neanche il conto in banca. Diciamo che una shopaholic è ben più in rosso di noi! Io la chiamo anche M.A.D. (missin anywhere desease) 😉

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  3. Come ti capisco….anch’io sono cosi, ma purtroppo la normale quotidianità fa si che debba stare a casa anche uno o due mesi di seguito….però capisco tutte le tue vibrazioni!! e le condivido!

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  4. Purtroppo questa è una malattia terribile dalla quale non si guarisce! Sono favorevole ad un’assicurazione tipo quelle mediche, che quando ti viene voglia di partire copra tutte le spese.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  5. Per fortuna non lo sono, perché con il lavoro che faccio, non potrei soddisfare il mio bisogno di viaggiare! Mi piace tantissimo il modo in cui scrivi😍❤

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  6. L’ unica malattia che avevi desiderato di avere….E sono stata cosi fortunata da nascerci!! Spero di aver trasmesso il gene ai miei figli!

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  7. Sono a tutti gli effetti una wanderlust. Ho una valigia aperta in camera in cui devo metterci ancora della roba e una chiusa, ancora da svuotare dalla mia ultima avventura.
    Se certe malattie ti beccano e ti uccidono, certe altre le vai a cercare e ti fanno vivere.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  8. Che dire io l’avrei anche sta malattia… a sono costretta a ontrastarla, sennò chi li sente gli altri due!!!! Un po ti invidio lo sai??
    Ciao buona giornata
    Gabriella

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  9. No, non sono un wanderluster. Ah ah ah! Non sapevo nemmeno che ci fosse questa ”malattia”, che per me non lo è alla fine.
    Se una persona è abituata a viaggiare e lo fa’ spesso, e lo può fare allora ben venga. Alla fine non ci si annoia mai, e si scoprono tantissime cose. Bello poi viaggiare con una persona accanto fatta della stessa pasta, se no penso non si possa fare questa vita.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  10. Mmmm ti diró… ho fatto x 6 anni un lavoro che mi portava a essere sempre all estero ed ho viaggiato in tutto il mondo e ora… voglio solo stare a casa! Voglio girare e scoprire la mia regione magari un viaggio all anno ma non di piú! Ho piú un wanderlust x casa mia mi sa e per la montagna!

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  11. La malattia più bella che una persona possa prendere! Ed io sono malato

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  12. Sai che anche a me stare un mese di seguito a casa mi provoca malessere, irritazione.. non sopporto più niente e nessuno. Anch’io penso sempre a partire, vedere posti nuovi, conoscere culture e cibi nuovi… questo mi rende viva. Penso quindi di essere malata, ma è una malattia che mi tengo e dichiaro volentieri di avere !

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  13. Questa malattia è stupenda e con questa si puô sorridere e scherzare..io non sono al 100% una wonder perô mi piacerebbe tanto esserlo..

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  14. è la mia malattia ma il lavoro e il denaro a disposizione non sempre me lo consentono. A volte viaggio con la mente!!!

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  15. Sai che non conoscevo il nome di questa sindrome? .. Di sicuro però posso dire che se mi dovessi ammalare mi vorrei proprio ammalare di questo eh eh eh .. Complimenti bel post.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  16. Mi piace viaggiare e ogni tanto ne ho bisogno…per staccare un po’ la testa dallo stress di tutti i giorni!

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  17. Non ero a conoscenza che esistesse un termine che racchiuda la forte voglia di viaggiare spesso.
    Aahahah il conto in banca ne risente, come hai giustamente detto ehehe
    ma se si ha la possibilità (senza strafare, compatibilmente ad altre spese ed altre esigenze, e si ha il desiderio e il tempo è buona cosa viaggiare e scoprire località o rivisitare posti dove si è stati bene

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  18. Una delle più belle malattie che si possano avere, porta solo a cambiar mentalità e rinasci completamente.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  19. Anche io soffro della sindrome di Wanderlast 😅 io faccio proprio una malattia quando non viaggio…è grave 😭 Però non fa niente sono contenta di avere questa sindrome! Complimenti per l’articolo 😆

    Piace a 1 persona

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

About Mademoiselle Champagne

Sono Sabina, una ragazza che ha "scavallato i quaranta" e che dopo vent’anni passati a occuparmi di diritto societario in tacco 12, ho cambiato decisamente vita. Ora, al diritto societario, preferisco il diritto creativo e al tacco 12 le Birkenstock. Mi dedico alla scrittura, alla fotografia e a quasi tutta l’arte, e ovviamente, al vino. Amo viaggiare in particolar modo nel vecchio continente e aspiro a diventare viaggiatrice a tempo pieno nonché a vivere in qualche angolo della costa francese, magari scrivendo romanzi. Autrice del romanzo L'amore a colpi di Champagne.

Categoria

PENSIERI E RIFLESSIONI

Tag

, , , , , , , , , ,