Mangiare a Edimburgo: dove fare le migliori pause gastronomiche

Vi ho già raccontato cosa dovete vedere a Edimburgo. Ora vi parlo dei locali di Edimburgo.

Tra gli scozzesi e il cibo c’è un rapporto molto solido, ed Edimburgo ne è una valida rappresentante infatti, non ci sarà una sera che non troverete i locali pieni, perché i cittadini di Edimburgo amano mangiare fuori e trascorrere la serata in compagnia.

Ci sono moltissimi pub dove mangiare zuppe e i tipici piatti come lo haggis, un gustoso piatto ricco di spezie e carne con contorno di rape e patate, e ve li presenterò in appresso, ma anche molti ristoranti di livello che propongono cucine innovative come:

Aizle, Piatti capolavoro, delle vere opere d’arte. Esperienza di alto livello culinario. Il ristorante offre un menù fisso con 5 portate, che consiglio. Personale gentile e locale piccolo ma carino e curato.
Ubicazione: 107-109 St. Leonards Street, Edinburgh EH8 9QY,  sito web

aizle
Aizle

Number One at The Balmoral, ristorante di alto livello in una cornice suggestiva. Tutto eccellente dalla cucina al personale com’è degno di un ristorante stellato. Un esplosione dei sensi. Consigliato ai palati esigenti.
Ubicazione: 1 Princes Street/The Balmoral Hotel, Edinburgh EH2 2EQ, sito web

Number One
Number One

The Table, anche qua l’esperienza culinaria sarà di alto livello, piatti bellissimi oltreché buonissimi. Rimarrete stupiti dalla preparazione dei piatti a vista. Preparatevi a un’avventura culinaria fuori dal comune. Se volete cenare qui dovete prenotare!
Ubicazione: 3A Dundas Street, 
Edinburgh EH3 6QG, sito web 

Forage & Chatter, curato ed accogliente, propone menù degustazione era delizioso: Ottima cucina creativa, dove si cura particolarmente l’attenzione per il prodotto. Personale disponibile e gentile. Ottimo rapporto qualità prezzo.
Ubicazione: 1A Alva Street, Edinburgh EH2 4PH,  sito web.

I PUB

Resta il fatto che essendo a Edimburgo, patria del pub mi sembra logico che cerchiate qualcosa di tradizionale e che vogliate godere dell’atmosfera locale, e allora eccovene qualcuno, quelli provati  che vantano una storia  particolare:
Bow Bar, frequentato dalla gente del posto vanta una vasta scelta di birre e oltre 200 tipi di whisky
Indirizzo: 80 W Bow, Edinburgh EH1 2HH

Bow-Bar-Blog-1024x532-1024x585.png

Greyfriars Bobby’s Bar, si trova al pianterreno di un edificio vittoriano che affaccia sul cimitero, può sembrare un pub come tanti ma la peculiarità è che il pub è legato a una delle mascotte della città: Skye Terrier Bobby. Si narra che il proprietario del pub desse da mangiare al cagnolino che faceva la guardia alla tomba del suo padrone, John Gray seppellito a Greyfriars, quindi venne dato il suo nome al locale. Se volete approfondire i dettagli della storia potete farlo attraverso la passeggiata storica di Edimburgo, nella quale potrete vedere le tombe di John Gray e del suo fedele Bobby.
Indirizzo: 30-34 Candlemaker Row, Edinburgh EH1 2QE

GREY.jpg

The Last Drop, uno dei pub di Grassmarket dove vi aspetta una ricca offerta di piatti tipici: hamburger, salmone e haggis e dove si racconta sia stata vista una bambina in abiti medievali nel sotterraneo, ciò sarebbe dovuto al fatto che per la costruzione dell’edificio sia stato utilizzato materiale proveniente da un altro edificio della fine del XVII secolo.
Indirizzo: 74/78 Grassmarket, EH1 2JR

The Last Drop Pub Edinburgh Scotland

Deacon Brodie’s Tavern, particolarmente interessante perché oltre alla cucina tradizionale offre piatti più innovativi. Le pareti di questo pub raccontano la storia di un personaggio veramente esistito e che ispirò Robert Luis Stevenson nella stesura del suo famoso romanzo “Lo strano caso del Doctor Jekyll e Mister Hyde”. William Brodie visse a Edimburgo nella metà del XVII secolo e se di giorno era un rispettabile membro del Consiglio Comunale, la notte frequentava i peggiori personaggi di della città, atti alle scommesse, bevute e incontri con prostitute. Per finanziare la sua discutibile vita finì per derubare i ricchi di Edimburgo. Venne smascherato nel 1788.
Anche qui per conoscere la storia dovete fare la passeggiata storica a Edimburgo.
Indirizzo: 435 Lawnmarket, Royal Mile, Edinburgh, EH1 2NT

the deacon tavern.jpg

The Beehive Inn, anche questo si affaccia in Grassmarket, famose per le sue birre e per il tipico cibo scozzese. Io ho assaggiato una buonissima onion soup, la torta salata di verdure (garden crumble pie) e il salmone alla griglia con purè di patate.
Indirizzo: 18-20 Grassmarket, EH1 2JU

The-Beehive-Inn.jpg

The World’s End, così chiamato perché, per molti edimburghesi, questo punto segnava la fine del mondo, come già citato, questo punto, infatti, una volta segnava il confine della città di Edimburgo, sulla Royal Mile all’incrocio con Jeffrey Street sorgevano le porte di Edimburgo, come ricordano i mattoni dorati posizionati lungo l’incrocio.
Come racconta la targa sul muro, non c’è posto più suggestivo dei confini del mondo conosciuto per godervi la cena e un buon whisky scozzese, alla fine di una lunga giornata.
Indirizzo: 4 High Street, Royal Mile, Edinburgh EH1 1TBTHE WORD.jpg

Altri sono: The Peartree House, 38 West Nicolson Street, The Three Sisters, 139, Cowgate, Old Town, Edinburgh EH1 1JS, The Tron, Indirizzo: 9 Hunter Square, Edinburgh, EH1 1QW, Clam Shell (ottimi fish & chips), 148 High St, Royal Mile, Edinburgh, EH1 1QS

Ricordate che la maggior parte delle cucine chiude alle 21.00, in particolare nel periodo invernale.

Ve ne ho segnalati diversi perché io ho avuto difficoltà a trovare posto per cene, a pranzo è tutto molto più semplice.

Annunci

3 thoughts on “Mangiare a Edimburgo: dove fare le migliori pause gastronomiche

Rispondi