Cotswolds, cosa vedere. I più bei villaggi della romantica campagna inglese

Le Cotswolds sono una verde distesa di colline dolci tra l’Inghilterra e il Galles che abbracciano ben sei contee: Gloucestershire, Oxfordshire, South Warwickshire, Worcestershire, Wiltshire e Somerset. Dichiarate AONB Area of Outstanding Natural Beauty (Area di bellezza naturale eccezionale) nel 1966.
Sono l’Inghilterra che immagini o almeno, che io mi sono sempre immaginata, sono la campagna inglese, quella più romantica, che fa da sfondo ai libri Jane Austen e di Beatrix Potter, che con l’elegante Glouchester ha stretti legami.

Bibury-Inghilterra
Bibury

Hanno conquistato anche Hugh Grant e Lily Allen, che sono solo alcuni degli artisti che, stregati da questa zona, vi hanno comprato casa. Il Principe Carlo e Camilla, si rifugiano qui appena possono, Highgrove è la loro residenza estiva.

vdeml2zt
Casle Combe

I periodi migliori per visitarle sono senza dubbio la Primavera e l’Autunno, dove incontrerete meno turisti che d’estate. Per quanto mi riguarda tutte le stagioni vanno bene per visitarle, godrete di sfumature diverse ma sempre bellissime. Che sia d’inverno, magari con la neve, che sia d’Autunno con gli splendidi colori del foliage, che sia in Primavera per godere del verde brillante della sua vegetazione o che sia d’Estate con i giardini puntellati di colori.

Il modo migliore per visitarle è un viaggio on-the-road: le distanze, tra un villaggio e l’altro sono contenute e, tra villaggi incantati dai prati verdissimi, con cottages in pietra color miele (la caratteristica pietra tipica Golden Cotswold Stone, chiese medievali e antiche locande, sarà una continua immersione in epoche passate.

Qui vi spiego come arrivare e come spostarsi nelle Cotswolds.

L’ideale sarebbe trascorrerci un’intera settimana per ricaricare le batterie e per godere dell’incredibile atmosfera, ma se non vi è possibile potete visitarle anche in un week end, tre di giorni sono più che sufficienti per un’immersione in questo paradiso. Tanto poi ci tornerete, come ho fatto io!
Ma vediamo quali sono i bellissimi e imperdibili villaggi da visitare nelle Cotswolds. Uno più caratteristico dell’altro pregni di magia e pace e dove ti viene voglia di trasferirti almeno per qualche mese l’anno.

LACOCK (Wiltshire)

Lacock è stata la prima obbligata tappa, arrivavamo dalla CORNOVAGLIA, avevamo già fatto più di 300 chilometri e qualche tappa lungo in percorso e fare altri 50 chilometri per arrivare a Bibury, come avrei voluto era troppo, quindi ci siamo fermati per la notte e l’indomani avremmo iniziato la visita delle Cotswolds. Qui vi racconto dove dormire nelle Cotswolds.
La scelta è stata ottima, un minuscolo e splendido villaggio, fuori dalle rotte turistiche, ma che secondo me merita una tappa, con gli immancabili pittoreschi cottages color miele, questo villaggio sotto tutela del National Trust, ancor più di altri, trasmette pace e serenità. Qui il tempo sembra davvero essersi fermato, è infatti questo è uno dei villaggi dove l’esterno delle abitazioni non deve subire grossi cambiamenti.

Altra caratteristica di questo luogo è il senso di fiducia che gli abitanti provano nei confronti dei loro cittadini e si capisce perché, spesso, fuori dalle porte delle case, si possono trovare banchetti che vendono dolci oppure libri usati, ma dietro ai banchetti non c’è nessuno, nessuno che ti serve o che ti fa pagare, qui infatti esiste la famosa “honesty box” (tradotto scatola dell’onestà) dove lasciare il denaro per ciò che si vuole acquistare, in totale fiducia.

A Lacock se siete appassionati di Harry Potter ci arriverete per forza, per vedere i luoghi dove il maghetto ha messo piede. Che siate o no fans di Harry Potter non perdetevi la visita alla splendida Lacock Abbey dove è stata girata una scena del primo Harry Potter e anche il film “L’altra donna del Re” con Natalie Portman, Eric Bama, Scarlett Johansson. Questa è una delle ragioni per cui questi luoghi sono spesso scelti per girare film d’epoca ma non solo.
lacock

Lacock

CASTEL COMBE (Wiltshire)

Nel 1962 si è aggiudicato il titolo di più bel villaggio d’Inghilterra, è abitato da nemmeno 500 persone. L’atmosfera fiabesca è palpabile. Il silenzio incredibile! Quel nugolo di antichi cottage in pietra con tetti spioventi e comignoli doppi, in perfetto stile inglese, alcuni con affaccio sul fiume, altri circondati da giardinetti verdissimi e la maggior ai lati dalla Via principale: Water Street (La strada dell’acqua), danno vita a uno dei villaggi inglesi e, forse, del mondo più belli in assoluto. Immancabile una passeggiata nella via principale, tra dimore antichissime e bellissime, fiori e atmosfere senza tempo, che porta all’incantevole ponte sul fiume Bybrook, uno dei più fotografati del pianeta, nei pressi del ponte anche Manor House, antica country house (hotel cinque stelle), costruita nel XIV secolo. Se non potete permettervi una notte, in una delle favolose suite, un’esperienza fantastica ed esclusiva sarebbe consumare al suo interno il tradizionale afternoon tea.

Scopri di più su Castle Combe

village pound
The Village Pound – Castle Combe

castle

Manor House

BIBURY (Gloucestershire)

Bibury incanta sin da subito come arrivi in Arlington Row, per la fila di cottage di mattoni risalenti al XIV secolo che vi si affacciano e che conferiscono un fascino romantico e suggestivo alla località immersa nel verde, dall’altro lato della strada scorre placido il Fiume.
A qualcuno di voi sarà capitato di vederla qualche immagine sulla famosa fila di cottages e, confessatelo, quell’immagine vi ha fatto venire voglia di scoprire di più su quel luogo, ecco il motivo per cui siete qui!
L’artista William Morris definì Bibury “il più bel villaggio delle Cotswolds”, e le ragioni sono chiare in un attimo. Il villaggio conta appena 600 residenti, anche se le l’accoglienza non manca, molti cottage sono stati trasformati in hotel ed è quindi possibile soggiornare fuori dal tempo.
Una passeggiata lungo il fiume Coln infonde pace e relax ed esprime tutta la serenità del paesaggio. Il corso d’acqua è l’habitat naturale di numerose trote e, scopriamo che in zona, ci sono diversi allevamenti ittici.

bibury1
Bibury

BOURTON-ON-THE-WATER (Gloucestershire)

Sebbene il paragone sia un tantino azzardato è definita la Venezia d’Inghilterra per merito dei suoi canali, in realtà con Venezia non ha nulla a che vedere. La cittadina è attraversata dal fiume Windrush, le cui sponde, d’estate attraggono gli inglesi per rilassanti pic-nic qualche bagno rinfrescante per i più coraggiosi.
Burton on the Water è un luogo che va visitato, per la sua incredibile bellezza, davvero un posto ricco di fascino. Vi piacerà!
Le costruzioni del borgo sono realizzate in prevalenza in pietra di Cotswolds: una pietra calcarea di color giallo tenue, che conferisce al villaggio un’atmosfera caratteristica, particolare e intima, molte dimore sono in piedi da più di 300 anni. Fate un giro nelle botteghe sparse per le sue stradine.
Nella zona potete visitare il Birdland che accoglie nel suo parco oltre 500 specie di uccelli.

bourton
Bourton On The Water

LOWER SLAUGHTER e UPPER SLAUGHTER (Gloucestershire)

Lower Slaughter e Upper Slaughter vanno viste, i loro nomi (lower e upper) ricordano il territorio e cioè quel continuo saliscendi dettato dalle morbide colline puntellate di pascoli e prati in fiore. I due villaggi sorgono sulle sponde del fiume Eye e sono estremamente tranquilli.
Lower è forse più bella, i suoi caratteristici cottages in pietra color miele adagiati in riva al fiume rendono Copse Hill Road la strada più romantica d’Inghilterra. Qui un consiglio: fate una sosta enoica o culinaria al The Slaughters Country Inn.

lower1
Lower Slaughter

Upper Slaughter dista un miglio da Lower e potrete raggiungerla anche attraverso il percorso pedonale. Fate in modo di andarci nel pomeriggio così potrete godervi l’afternoon tea nelle splendide sale dell’hotel Lords of The Manor, un’antica canonica secentesca oggi convertita in lussuoso albergo, immersa in un parco di 3 ettari in cui passeggiare e rilassarsi è tra i 200 migliori hotel dell’intero paese. Se invece siete dei gourmet e volete godervi una cena strepitosa potete farlo nel ristorante dell’albergo che vanta una stella Michelin.

lower
Upper Slaughter

STOW-ON-THE-WOLD (Gloucestershire)

Una cittadina un po’ più grande rispetto alle altre: ricca di negozi di antiquariato e librerie dove trovare preziosi volumi d’epoca. Altra cosa che c’è in abbondanza sono le sale da tea. Nella cittadina anche molti hotel e locande, i prezzi però tendono a essere altri rispetto ad altri villaggi.

La sua Market Square, la Piazza del Mercato negli anni di boom economico era il luogo dove gli agricoltori locali facevano confluire le mandrie di pecore provenienti dalle campagne, al fine di venderle. In passato il commercio di pecore era la fonte di reddito principale per i residenti. Leggenda racconta che in una volta sola furono venduti 20.000 capi. Se non lo sapevate le Cotswolds hanno anche la loro razza di pecore: le Cotswolds Lions.

Non perdetevi St Edward’s Church una tipica chiesa di campagna inglese, non ha nulla di speciale al suo interno, la caratteristica è una piccola porta laterale della chiesa tra due imponenti alberi che sembra possa portare posti incantati.

snow on the wold
Stow-On-The-Wold

stow

SNOWSHILL (Gloucestershire)

Questo è un altro villaggio che vi porterà a fare una rilassante quanto straordinaria immersione nella tipica atmosfera delle Cotswolds, nella vera atmosfera della campagna british e ci riuscirete facilmente, mescolandovi ai residenti, perché qui i turisti sono merce rara.

Vi attirerà subito la chiesa di rigoroso color miele con la tradizionale Red Telephone Box posta di lato a fare da bellissimo contrasto, e che sarà oggetto di un vostro scatto. A Snowhill furono girate alcune scene de “Il diario di Bridget Jones”, nel mese di giugno e per ricreare l’atmosfera natalizia il villaggio fu ricoperto da neve finta.

Snowhill vanta anche meravigliosi campi di lavanda che, nella stagione di fioritura (circa la metà del mese di luglio), che rendono tutto ancora più fatato. Sito web. Qui potete visitare Snowhill Manor uno straordinario maniero immerso nella campagna e depositario della straordinaria collezione di Charles Wade, eccentrico accumulatore di oggetti che, nel 1951, ha donato al National Trust, sia la proprietà che il contenuto compresa la sua eclettica collezione.

Anche qui una sosta vale la pena farla, tanto siete sulla strada per Broadway.

cabina
Snowshill

BROADWAY (Worcestershire)

Broadway è famoso per la sua torre, che non si trova in paese in realtà, ma a qualche chilometro. La Broadway Tower, che potrete raggiungere anche a piedi, è uno dei monumenti più significativi delle Cotswolds, con i suoi 300 metri svetta solitaria e dalla sua cima si gode di un panorama mozzafiato, nelle giornate limpide, dalla sua cima, si possono vedere ben 16 contee.
Broadway è un altro villaggio molto carino con un importante passato, si è sviluppato grazie al commercio della lana, ed è stato rifugio di pittori e scrittori come Oscar Wilde, Henry James, J.M.Barrie e Claude Monet.
Dopo una passeggiata in High Street, la strada principale del paese, ricca di negozi d’antiquariato e botteghe di prodotti artigianali, spingetevi a Snowshill Manor uno straordinario maniero depositario della straordinaria collezione di Charles Wade, un grande collezionista che ha riempito Snowshill Manor con migliaia di oggetti bellissimi e originali.

broad
Broadway

PAINSWICK (Gloucestershire)

Definita la “Regina delle Cotswolds” è conosciuta per la chiesa St. Mary circondata da 99 alberi di tasso potati ad arte, dove non cresce il centesimo per volere del demonio, leggenda narra. Patria del rugby, qui gli appassionati potranno visitare il più antico centro di rugby nonché assistere alle partite di cricket che ancora si giocano nel complesso sportivo di Broadham Fields.
Painswick è uno dei paesi britannici meglio conservati, nato all’inizio del XV secolo, conserva tuttora la chiesa, risalente a quel periodo. Nella zona si trova un parco di uccelli, il Prinknash Bird Park.

pain
Painswick

E non posso che consigliarvi di andarci il prima possibile!

Leggi anche: 

Come arrivare e come spostarsi nelle Cotswolds.

Cotswolds: Manieri, hotel, locande, pub dove dormire e mangiare

Sud Est Inghilterra, cosa vedere: Kent, Sussex, Surrey, Somerset, Wiltshire. 

Annunci

35 thoughts on “Cotswolds, cosa vedere. I più bei villaggi della romantica campagna inglese

    1. Grazie a te! Prima di cominciare a viaggiare molto anche io lo credevo impossibile poi invece ho iniziato a visitare anche la Gran Bretagna e l’ho scoperta molto più economica di quel che pensavo e ancor più bella di come immaginassi.

  1. Amo l’inghilterra da quando ero piccolo. adoro tutte le sue sfaccettature, dalle città alla campagna. mi hai fatto venire voglia di visitare questi luoghi che hai citato. bellissime foto!

    1. Grazie Gianluca. Anche io amo l’Inghilterra da sempre, il mio sogno era andare a vivere in un cottage, a parte Londra ho iniziato a visitarla da qualche anno ed è ancor più bella di quanto pensassi.

  2. L’unicità di questa zona è evidente in ogni dettaglio. Indipendentemente dal paese sembra sempre di essere su un set cinematografico o in un libro. Credo che la bellezza, l’atmosfera e la pace che evocano sia indiscutibili!

  3. Avendo visto Bibury l’anno scorso, so quanta bellezza ci sia in questi villaggi. Devo assolutamente recuperare tutti gli altri, primi fra tutti Castle Combe e Painswick!

  4. Sono davvero rimasta colpita dalla bellezza di questi luoghi che rispecchiano la mia idea di Inghilterra. Personalmente mi piacerebbe visitare Burton on the Water, questa “Venezia” atipica e diversa dalla nostra.
    Maria Domenica

  5. Luoghi incantevoli, nei quali amerei perdermi. Immagino di affittare una di quelle casette e iniziare a scrivere un romanzo. 🙂

    1. È il mio pensiero, io sto tentando di scrivere il mio secondo romanzo e non ci riesco perché ho mille distrazioni, allora penso… qualche mese qui farebbe miracoli, sono luoghi davvero sani per l’immaginazione

  6. Che bei posti così tipicamente… inglesi! Non li conosco per niente, mi piacerebbe un bel viaggio in quelle zone. E complimenti per le foto, sono magnifiche!

  7. Che posti stupendi: sono innamorata di quella natura rigogliosa e di quelle case vittoriane. Se potessi partirei subito e andrei a visitare tutti quei paesini, dal primo all’ultimo.

  8. ma che meraviglia che sono questi posti, sono davvero molto caratteristici…… mi piacerebbe moltissimo visitarli. Quale è la stagione migliore per farlo?

    1. Grazie Anna. Io sono stata ad Agosto, avevo fatto tutta la Normandia e a parte Le Mont Saint Michel e la casa di Monet a Giverny, dove i turisti erano davvero tanti, per il resto non c’era troppo affollamento. I periodi migliori secondo me sono Estate e Primavera.

Rispondi