Visitare la Cornovaglia: terra di leggende, scogliere e paesaggi lussureggianti (cosa vedere, come arrivare e altre informazioni utili)

Altro che Seychelles, Mauritius, Turks and Caicos o Bora Bora e chi più ne ha più ne metta, la Cornovaglia che si trova a un paio d’ore di volo dall’Italia non ha nulla da invidiare a questi paradisi terrestri, anzi…

copertina3.jpg

PERCHÉ ANDARE IN CORNOVAGLIA

La Cornovaglia è un luogo dove trovare pace e relax, dove starete così bene che vi verrà voglia di restarci… per sempre!
Un luogo magico dove è la natura a dominare l’architettura e non il contrario. Paesaggi incredibilmente suggestivi con altissime scogliere punteggiate di erica che sconfinano a picco sul mare, quel mare, a volte rabbioso, a volte mosso e spumoso, dalle mille sfumature di turchese, che si fonde nei cieli azzurrissimi dove stormi di gabbiani vigilano sul paesaggio, ma anche brughiere spazzate dal vento, distese di spiagge bianche, deliziose calette e lande spazzate dal vento, o Castelli antichi e tanto verde come nei giardini curati dove tra piante e fiori, come nelle favole, spuntano bellissimi cottages.

copertina.jpg

DOVE SI TROVA LA CORNOVAGLIA

La contea della Cornovaglia, bagnata su tre lati dalle acque dall’Oceano Atlantico, mitigate dalla Corrente del Golfo, occupa la punta sud-ovest della Gran Bretagna, a est confina con la contea del Devon, è quindi una penisola.
È uno dei territori più sognati del Nord Europa grazie al fatto che gode di un clima mite ed è tra le zone più assolate dell’isola britannica, ma anche perché il suo suggestivo paesaggio, patrimonio Unesco dal 2006, ha ispirato, tra gli altri, D.H Lawrence, Virginia Woolf.
Molti di voi conosceranno la Costa Cornica per i romanzi di Rosamunde Pilcher e l’avranno vista nei film tratti da quei romanzi.

copertina1

newquay5

COME ARRIVARE IN CORNOVAGLIA

Il modo migliore per raggiungere la Cornovaglia è atterrare all’aeroporto di Bristol, ormai servito da voli in partenza da molti aeroporti italiani, da qui l’ideale è spostarsi noleggiando un’auto, o con i mezzi pubblici, questa modalità è un tantino più complicata e richiede molto più tempo.
 Noi siamo atterrati a Bristol anche grazie a una tariffa molto conveniente, in alternativa, se il tempo a vostra disposizione lo consente, è possibile anche atterrare in uno dei cinque aeroporti di Londra godendo magari di tariffe molto economiche e spostarsi poi verso la Cornovaglia facendo, per chi lo desidera, qualche tappa intermedia.
 In ogni caso gli aeroporti della Cornovaglia o comodi alla Cornovaglia sono: Newquay, Penzance,Lands End, Plymouth e Exeter.
Una volta giunti a destinazione, se avete scelto di muovervi con i mezzi pubblici, autobus e treni, vi consentiranno di raggiungere le maggiori attrazioni della penisola; se invece, come ho fatto io, avete deciso per un viaggio on the road in auto potrete davvero scoprire ogni angolo di Cornovaglia, viaggiando attraverso percorsi incredibilmente suggestivi, come parchi nazionali meravigliosi, boschi magari imbattendovi in qualche caccia alla volpe (senza volpe), come è capitato a noi e sempre molti cavalli e cavallerizzi a passeggio, antiche stradine strette e caratteristiche che conducono a stupendi villaggi di pescatori, e molti altri paesaggi che scoprirete sul posto.

Per l’auto da scegliere, se posso darvi un consiglio, se non siete abituati a guidare dal lato sbagliato della strada e dal lato sbagliato della macchina, anche se dopo un po’ viene facile, basterà seguire le altre auto, optate per l’auto col cambio automatico, cambiare con la sinistra se non siete mancini non è così semplice, se poi la vostra auto abituale è automatica è un disastro, anche se ci si fa l’abitudine.

volpe.jpg

LA CORNOVAGLIA e I SUOI CASTELLI

La Cornovaglia è terra di miti e leggende. Terra di Celti, appartiene alle cosiddette nazioni celtiche, le cui storie, a metà tra mito e leggenda, sopravvivono grazie a castelli e manieri, infatti il paesaggio e i tanti castelli ricordano il passaggio di antiche popolazioni.
Venne poi la dominazione romana, e, di secoli in secoli, le dinastie di Tudor e Stuart di cui resta memoria in regali residenze con splendidi giardini fioriti.
La Cornovaglia è ricca di luoghi storici, tanto apprezzati dai turisti, ben 10 siti sono stati inseriti nel Patrimoni dell’Umanità Unesco.
Tintagel Castle dove secondo la leggenda visse Re Artù; Launceston Castle, si trova nel centro della contea e risale all’epoca normanna; Pendennis Castle, fatto costruire da Enrico VIII per difendersi dagli attacchi francesi e spagnoli, si trova a Falmouth; il St Mawes Castle, a Truro, noto per con splendidi giardini; Restormel Castle, dall’originale forma rotonda a Lostwithiel; St Catherine Castle, nel villaggio di Fowey, si affaccia sul mare ed è raggiungibile dalla spiaggia attraverso un sentiero pedonale.
Il Castello di Rumps Cliff, a Polzeath, luogo ricco di fascino, è tra i circa trenta siti preistorici risalenti all’età del ferro sparsi per tutta la Cornovaglia.

COSA VEDERE IN CORNOVAGLIA

I luoghi che vi presento di seguito sono indicati in ordine partendo da Bristol

BOSCASTLE

Un minuscolo villaggio ricco di fascino, romantico e misterioso, poco ambito dai turisti, circondato da colline e prati color smeraldo puntellati di pascoli che corrono verso scogliere a picco sul mare. Il borgo sviluppato lungo un’insenatura sulla costa assomiglia ai paesini sui fiordi della Norvegia.
L’alluvione dell’agosto 2004 aveva praticamente devastato il paese che è comunque tornato al suo antico splendore. La vita del villaggio ruota attorno al porto, botteghe, ristoranti e alberghetti sorgono nella zona centrale oltre alle caratteristiche dimore. Un ruscello attraversato da ponti taglia a metà il paese, dove troviamo il Museo di Magia e Stregoneria.

TINTAGEL

Poco importa che in realtà non sia mai realmente esistito, le leggende della Cornovaglia raccontano che Tintagel ha dato i natali a Re Artù e che addirittura sarebbe nato nel castello di Tintagel e allevato da Merlino, il potente mago.
Sarà una semplice leggenda perché le rovine, ormai ridotte in macerie, del castello risalgono all’epoca medievale, quindi epoca successiva rispetto al condottiero, nonostante ciò attraggono turisti a frotte che, per ammirare i resti del castello, si avventurano inerpicandosi su per una salita alquanto impervia e faticosa, vi raccomando abbigliamento adatto, soprattutto calzature adeguate. In realtà, risulta anche difficile immaginare che lì ci fosse un castello, vista la situazione attuale, resta il fatto che appare un luogo magico quasi inaccessibile, su un promontorio che una volta raggiunto ti permette di godere di una vista mozzafiato.
Tra le scogliere si scorge una grotta, accessibile solo col favore delle maree, per poche ore; si racconta che quella grotta fosse il luogo dove Merlino esercitava i suoi poteri di mago e chiaroveggente.
Tintagel viene citata ripetutamente su antichi testi legati alla mitologia dell’epoca, i quali sostengono che un tempo qui sorgesse un castello incantato capace di scomparire due volte all’anno. Cosa che è tuttora confermata dagli abitanti, che sostengono che il castello non è visibile in due momenti: una volta in inverno e una volta d’estate, a causa delle nuvole basse e della nebbia.
Nelle vicinanze del castello c’è un lussuoso hotel che si chiama Camelot Castle Hotel, come il famoso castello di Re Artù.
Altra attrattiva locale è il Tintagel Post Office, un monumento storico della Cornovaglia, nella fattispecie un edificio costruito nel quattordicesimo secolo come dimora privata, salvo poi diventare, nel diciannovesimo secolo, ufficio postale per migliorare il servizio in una zona remota come quella di Tintagel. Un bellissimo edificio medievale in pietra a più altezze, immerso nel verde e con affaccio su una delle più prestigiose scogliere del paese. Oggi il Tintagle Post Office vanta interni restaurati e arredati con mobili d’epoca e attrezzi originali, tra cui la cucina, le stanze da letto, la sala centrale e una stanza con il vecchio ufficio postale vittoriano. Visitatissimo data la posizione favorevole, lungo l’accesso al famoso castello di Tintagel.

PORT ISAAC

Port Isaac è un villaggio di pescatori dal fascino incredibile, il tipico villaggio costiero britannico. Sicuramente il luogo più filmato di tutta la Cornovaglia. Port Isaac è il set del telefilm Doc Martin, gli appassionati, come me, della serie riconosceranno in questo meraviglioso paesino la Port Wenn, dove Doc Martin fa il medico condotto, ma è stato anche la location del film L’Erba di Grace.
Dalle pellicole è senza dubbio è intuibile il modo di vivere e la bellezza autentica di questo villaggio ma vederlo dal vivo è davvero un’altra cosa, un’altra magia.
Si lascia l’auto in un parcheggio nei pressi del villaggio e attraverso un breve percorso pedonale che costeggia la scogliera si arriva al centro del villaggio che si sviluppa attorno alla meravigliosa baia.
Port Isaac ha il fascino tipico dei villaggi marinari, strade strette e ripide, piccole e deliziose casette dai portoncini bassi e colorati e dai tetti di ardesia che si affacciano sull’oceano, la vivacità attorno al porto, le brezze e gli stormi di gabbiani fanno di Port Isaac uno dei più peculiari e autentici villaggi di mare dell’intera Gran Bretagna.

PADSTOW

Padstow è una cittadina lungo l’estuario del Fiume Camel che sfocia nel mar Celtico, sicuramente dall’aria più mondana rispetto ad altri villaggi sulla costa, è il luogo ideale dove fermarsi per una pausa culinaria, dato che è un posto rinomato per i suoi locali disseminati attorno al porto. Ristoranti di pesce dove si magia molto bene, spicca tra tutti il ristorante del famoso cuoco britannico Rick Stein, che qui ha anche il Stein’s Fish & Chips dove provare il fish & chips da passeggio.
Padstow è nota soprattutto per la festa Obby Oss, che cade il primo maggio e che celebra l’arrivo della primavera, per l’occasione la città viene decorata con i primi fiori di stagione e attraversata da musicisti che intonano un suggestivo canto ipnotico. Le origini della festa sono evidentemente pagane, è considerata una delle feste tradizionali più antiche della Gran Bretagna.
Padstow è anche un luogo adatto per lo shopping, acquistare, cartoline, stampe, biglietti augurali, quadri in canvas che ritraggono, tra l’altro, gli splendidi paesaggi della Cornovaglia e borse in tela raffiguranti i villaggi della Cornovaglia. Vi segnalo a tal proposito vi segnalo WHISLEFISH dove io ho fatto incetta di biglietti d’auguri pazzeschi e borsette.

NEWQUAY

Newquay è una delle città balneari preferite dagli inglesi, sebbene non sia molto caratteristica, anzi per niente è una meta frequentatissima. Vanta sette miglia di splendide spiagge di sabbia finissima battute dal vento, per questo molto ambita dai surfisti.
È un posto per famiglie dove tutta la famiglia può rilassarsi e godersi una vacanza, offre una spiaggia per ogni giorno della settimana, un’intensa vita notturna.
La sue spiagge più apprezzate e famose sono Fistral e Holywell Bay.

SAINT IVES

Una delle località più famose della Cornovaglia che viene definita “la migliore destinazione del Regno Unito per le vacanze” ed è infatti molto frequentata d’estate.
Si affaccia su tre splendide baie, tra cui Porthminster, caratteristica per gli edifici vittoriani sullo sfondo della spiaggia, un’altra bellissima spiaggia è Porthmeor, e il promontorio di The Island.
Il piccolo porto è un luogo pittoresco circondato dai tipici cottage di pescatori, dal susseguirsi di viottoli acciottolati stretti e pendenti con gallerie d’arte, botteghe, negozi eleganti, pub e tanti balconi fioriti.
Saint Ives è da sempre un luogo che attrae numerosi artisti che qui hanno creato le loro opere d’arte.

SENNEN COVE e LAND’S END

Un piccolo villaggio dal fascino incredibile che solo certi dei posti di mare con una baia spettacolare (un tratto di spiaggia bianca di oltre 3 chilometri) possono avere, si prende un lungo un bellissimo sentiero a picco sul mare e attraversando prati puntellati di fiori di arriva a Land’s End, il punto dove la terra finisce, diventato un po’ troppo un’attrazione turistica, con tanto di biglietto d’ingresso. Leggenda racconta che, un tempo, si credeva che questo fosse il punto dove finiva il pianeta e se vi mettete a scrutare l’orizzonte vedrete solo azzurro, senza distinzione di confine tra cielo e mare viene da pensare che sia ancora così.

PORTHCURNO e MINACK THEATRE

La spiaggia di Portchurno è una delle più belle, se non la più bella dell’intera Cornovaglia, considerata tra le dieci spiagge più belle del pianeta, sabbia bianca e finissima è bagnata da un mare dalle incredibili sfumature di azzurro.
Se deciderete di visitare questa spiaggia preparatevi a forti raffiche di vento.
Sollevando lo sguardo sarete conquistati dal Minack Theatre considerato come uno dei teatri all’aperto più spettacolari del mondo, costruito in granito con pietre trasportate esclusivamente a mano, l’aspra roccia che scende a picco sul mare, la vista è assolutamente mozzafiato. Durante la sere estive si svolgono rappresentazioni teatrali, è necessario però prenotare il biglietto con molto anticipo.

PENZANCE

Altra cittadina piuttosto popolata, potrebbe essere un ottimo punto dove scegliere di alloggiare se non volete cambiare albergo ogni sera come ho fatto io, è un punto strategico.
Si trova nella Mounts Bay ed è una delle più importanti stazioni balneare dell’intera Gran Bretagna grazie al suo clima temperato, che favorisce la crescita di piante sub tropicali nel Morrab Gardens. La particolarità della località è la lunga spiaggia che offre un privilegiato panorama su St. Michael’s Mount.
Da vedre c’è il Museum and Art Gallery che custodisce i dipinti della Scuola d’Arte di Newlyn.

NEWLYN e MOUSEHOLE

La Cornovaglia vive di pesca da sempre pertanto molti sono i villaggi di pescatori disseminati lungo la costa, altri due villaggi da vedere, vicini a Penzance, sono Newlyn e Mousehole, il porto e le case che ci girano attorno, il vento placido, i gabbiani che svolazzano sopra le nostre teste, rappresentano il tipico paesaggio della Cornovaglia.

MARZARION e ST MICHAEL’S MOUNT

St Michael’s Mount è un’isoletta situata davanti al paese di Marzaion, considerata in qualche modo la gemella della più famosa Mount Saint Michel in Normandia, dato che vanta caratteristiche simili: con l’alta marea appare come un’isola vera e propria, mentre con la bassa marea, l’isola è collegata alla terraferma da un’immensa landa sabbiosa e si raggiunge attraverso un’antica stradina acciottolata che, con l’alta marea è completamente sommersa dall’acqua. Sull’isola di St Michael’s Mount si trova un’abazia benedettina del IX secolo, circondato da curatissimi giardini ed un caratteristico villaggio costituito principalmente da case in pietra.
Come detto si raggiunge a piedi: con la bassa marea, la strada emerge dal mare e seguendo il percorso di giganti e pellegrini potete raggiungere l’isola in pochi minuti, partendo dalla spiaggia, davanti al The Godolphin Arms.
Mentre quando la marea si alza, i marinai vi traghetteranno sull’isola con la loro imbarcazione.
Per saperne di più leggi eccovi il sito ufficiale, in italiano.

PORTHLEVEN

Altro villaggio pittoresco che trasuda di fascino e tradizione, e che si sviluppa attorno al porto. Il molo imponente di granito è attorniato da abitazioni caratteristiche e negozietti. Porthleven ha probabilmente le pareti di difesa del porto, presenti in tutti i villaggi, più grandi affinché proteggano il villaggio dalle impetuose tempeste invernali. La costruzione del porto iniziò durante il periodo napoleonico e si narra che fu costruito con l’aiuto di prigionieri di guerra francesi.
Il villaggio è stato uno dei porti importanti per la pesca di sardine e sgombri. Oggi le piccole imbarcazioni da pesca sbarcano ogni giorno il loro pescato che viene per la maggior parte acquistato dai ristoranti locali. Interessante l’offerta gastronomica locale.
Paradiso per surfisti di livello, non certo per i principianti.

KYNANCE COVE e LIZARD PENISOLA

Definita i Caraibi d’Inghilterra, la Penisola Lizard che si trova nella Cornovaglia sud occidentale ed è uno dei punti più spettacolari e incontaminati dell’intera regione. Qui percorrendo bellissimi sentieri a picco sul mare e si arriva nelle meravigliose baie, uno dei sentieri da fare, senza se e senza ma, è il sentiero che porta a Kynance Cove.
Nelle giornate estive più calde c’è anche chi fa il bagno, l’acqua è fresca e rinvigorente e l’esperienza incredibile!
Verdi pascoli e prati in fiore che culminano sulla spiaggia di sabbia bianca e finissima lambita dalle acque turchesi e cristalline.

COVERACK

Il villaggio di Coverack è ancora una vivace comunità di pescatori della Penisola di Lizard, un luogo dal fascino ruvido dei posti di mare, quelli autentici. Un pittoresco porticciolo e una splendida baia un po’ fuori dai giri turistici. Ci è stato consigliato da un gestore di un pub a Tintagel.

FALMOUTH

Una delle città più grandi della Cornovaglia ma anche un bel luogo di villeggiatura con molti negozi, ristoranti, stradine vivaci, la particolarità è che sorge nel terzo porto naturale del mondo.
Per scoprire il rapporto che ha questa città con il mare è da visitare il Museo Marittimo, da Falmouth partivano le navi che consegnavano merce in tutto il mondo.
Da percorrere la Scenic Route, strada panoramica che porta a un promontorio che offre una vista spettacolare.

falmouth

TRURO

Si trova al centro del Fiordo di Carrick ed è il capoluogo della Cornovaglia, è stata una città molto benestante tra i secoli XVIII e XIX grazie all’estrazione del rame e dello stagno e Lennon Street rappresenta la prosperità di quegli anni con le sue case in pietra in stile georgiano. Se volete conoscere la storia e il folklore della Cornovaglia sono ben rappresentate al Royal Cornwall Museum in River Street.

truro.jpg

MEVAGISSEY

Mevagissey è l’ennesimo interessante villaggio di pescatori, si trova all’estremità della baia di St. Austell, era noto in passato per la pesca delle salacche (specie simile a sardine). È molto frequentata la sua spiaggia di Pentewan.
Fatevi una passeggiata tra le sue stradine che culminano sul porto, attorniato di interessanti e rinnovati locali, ottima scelta per una pausa culinaria o per una pinta di birra.

FOWEY

Altra piccola e incantevole località di mare è uno dei luoghi che vanno assolutamente visitati in Cornovaglia, sorge sulla foce del fiume omonimo.
Fowey è stato punto di approdo di Daphne du Maurier – autrice di “Rebecca la prima moglie” da cui è stato tratto il celebre film di Alfred Hitchcock – vi arrivò negli anni venti e si innamoro di questo villaggio e infatti diversi suoi romanzi sono ambientati in Cornovaglia.

POLPERRO

Uno dei più bei villaggi di Gran Bretagna, senza alcun dubbio, adagiato in una stretta insenatura della costa, alla foce del fiume Pol. Polperro ha tutto il fascino ruvido dei porti di mare. Borgo autentico e antico di pescatori, un tempo covo di contrabbandieri e bucanieri, che giravano per il mare depredando le navi.
Si visita a piedi o con un carro trainato da cavalli si raggiunge il piccolo centro. Si lascia l’auto nel parcheggio grande fuori dal borgo e poi a piedi si scopre la vera essenza di questo suggestivo villaggio, scendendo per le stradine disseminate di casette con i tetti in ardesia, di negozi e ristoranti dalle finestre decorate di fiori.
Anche qui al calare della marea le barche sul porto restano appoggiate alla sabbia in attesa che risalga la marea per tornare a galleggiare. Fenomeni comuni in tutta la Cornovaglia ma anche in Bretagna e Normandia è abbastanza comune tutto questo.
Arrivando in fondo al porto, imboccando un sentiero che sale sulle scogliere si può ammirare il mare e il paese dall’alto, il sentiero, prosegue fino a raggiungere Looe.

EAST e WEST LOOE

Villaggio a qualche miglia da Polperro diviso in due dal fiume Looe che crea così East Looe e West Looe. A unire le due sponde c’è un ponte in pietra del XIX secolo.
Le caratteristiche abitazioni del villaggio si trovano sul pendio della collina e godono di una vista magnifica sull’estuario e sulla baia.

Non mi resta che augurarvi… Buon viaggio!

Qui vi racconto l’itinerario di viaggio

Link utili: https://www.visitcornwall.com/

Annunci

47 thoughts on “Visitare la Cornovaglia: terra di leggende, scogliere e paesaggi lussureggianti (cosa vedere, come arrivare e altre informazioni utili)

  1. Sarebbe bello organizzare un ontheroad in Cornovaglia. Da quel che scrivi, ci sono bellissime strade panoramiche e le tue foto confermano paesaggi da sogno. Che meraviglia!

  2. Ciao, quest’articolo è STRAORDINARIO!!! Hai scritto tantissime cose e le foto….sono super!! Me lo salvo tra i preferiti…la Cornovaglia è nella mia wishlist e con tutte le tue informazioni non mi perderò nulla!! Ti seguo anche su IG…adoro le immagini, anche io ne metto tante nei miei articoli. A presto, piacere di averti incontrata!!

  3. Grazie Sabina per il bellissimo articolo e le stupende foto. La Cornovaglia è una terra che mi fa sognare. Ho da poco autopubblicato con Amazon il mio romanzo “Happy is hapyy” – Una vita a colori – L’ho ambientato proprio sotto quel cielo turchese dove i gabbiani volano liberi sfidando il vento, l’aria profuma di erica e di salmastro e l’oceano incessantemente ci mostra la sua forza.

    1. Che meraviglia! Congratulazioni Ariella! Sai che anche io ho pubblicato un romanzo in self publishing con Amazon e co. Sto già leggendo la sinossi del tuo romanzo e l’ho acquistato. Non vedo l’ora di leggerlo… Grazie e a presto!

  4. che posti incantevoli! che foto strepitose! mi è piaciuto tutto di questo articolo…mai e poi mai avrei pensato di valutare la Cornovaglia per un viaggio!

  5. A volte non bisogna andare troppo lontani per visitare posti meravigliosi, il tuo articolo è proprio questo. Non ho mai visitato la Cornovaglia ma tu me ne hai fatto innamorare.

  6. Appena ho letto che la natura domina l’architettura ho subito desiderato andarci! Ci hai messo davvero pochissimo a convincermi. Hai ragione, ci sono terre così vicine a noi da esplorare! Dovremmo aguzzare di più la vista. Grazie.

    1. Mi fa piacere Sara. Sarà che io adoro il vecchio Continente e quindi vado alla scoperta dì ogni suo angolo, che ha una varietà di paesaggi davvero incredibile, anche all’interno di uno stesso stato.

  7. I paesaggi della Cornovaglia sono strepitosi. Il giusto mix di natura, architettura e leggende. Secondo me infatti anche se è la natura a prevalere, il resto si fonde perfettamente con essa creando un bellissimo equilibrio. Le tue foto non fanno che confermarne la meraviglia!

  8. non ho mai preso in considerazione la Cornovaglia ma ho fatto malissimo, è davvero bella e piena di posti da visitare! propongo in famiglia di organizzare le prossime ferie lì, conoscendomi mi sa che scatterò migliaia di foto

  9. Le tue foto sono stupende e i paesaggi bellissimi. Non li conoscevo. L’unica mia paura è che soffro molto il freddo, e anche qualche grado in meno lo sento, e quindi i paesi caldi li preferisco.

    1. Grazie Valentina! Più che il freddo il problema è il vento, le temperature sono come qui, la zona ha temperature abbastanza miti. Ma se ami i paesi caldi qui diventa difficile…..

  10. Davvero adoro i tuoi viaggi! Perché sono nelle mie corde, i posti che descrivi solitamente o li ho visitati o sono nella mia wish list! In questo caso, la Cornovaglia è nella mia wish list! Grazie mille per i consigli preziosissimi <3

  11. hai perfettamente ragione, altro che bora bora!! mi hai fatto venire una voglia matta di raggiungere questo posto il prima possibile e mi segno anche il tuo articolo con queste foto fantastiche perchè davvero credo che possa essere utile in futuro!!

  12. dei paesaggi che sembra di essere dentro ad un film, che bello sognare leggendoti e guardando queste belle foto

  13. Prima cosa voglio farti i miei complimenti perché le foto sono meravigliose…non ho mai visto la Cornovaglia ma dal tuo racconto così dettagliato e dopo aver vi le immagini stupende che hai pubb lo terrò in considerazione per il prossimo viaggio…

  14. Ma che posto straordinario, sembra un vero paradiso! Lasciatemi li per sempre!!! Vorrei ammirare il mare e i paesaggi pazzeschi!

  15. wowwwww….sembra di assaporare la tranquillità di quei luoghi e di vederne i colori. hai fatto una guida molto dettagliata e foto fantastiche.

  16. mamma mia che meraviglia, sia per il tuo resoconto di viaggio che per le tue foto che sono davvero bellissime….. complimenti di cuore

  17. aaah una delle zone dell’Inghilterra che preferisco! hai proprio ragione nella tua introduzione haha comunque, bellissime foto

Rispondi